27.1.09

27.01.09 HANNES GREBIN design rethink & development

Schrankwand, sideboard. Designed by Hannes Grebin.
Hannes Grebin è un designer tedesco che vive a Rostock, in Germania. Grebin ha studiato presso il Bauhaus University di Weimar, fatto stage formativi a Londra e Stoccarda, e preso una laurea in design di prodotto lo scorso ottobre. Nella foto in alto possiamo ammirare "Schrankwand" Sideboard. Che significa "parete", infatti, secondo Grebin, il mobile a muro, come un florido sistema di storage è superato e sostituito da una credenza. Questo pezzo d'arredamento è un accordo di quattro diverse parti funzionali di un rustico mobile d'epoca in stile "Biedermeier" a muro. "Schrankwand" è investito nella citata retrò-futurismo ed è veramente un ibrido che evoca sia l'evoluzione storica dei mobili degli anni'70 Bauahausiani con insistenza sulla funzionalità di ricambio, sia l'aggiunta di una palese distorsione della struttura e della forma facente parte dei pressanti vincoli dell'età contemporanea. Questa linea di mobili fortemente assimetrici, che ripensano i convenzionali rapporti tra forma e spazio, gusto e tradizione, progetto e funzionalità, ma che rispondono comunque ad esigenze ergonomiche spinte all’eccesso, porta dentro di sè un mood retrofuturistico che spezza i valori anche estetici codificati e consolidati, può piacere o non piacere, ma di certo non lascia indifferenti.

Fonte: designer blog;

5 commenti:

  1. No, non mi piace, ma solo perchè gli manca la poesia, pur avendo il coraggio della ricerca.....

    RispondiElimina
  2. Ciao
    Gli anni 70 non sono stati un bel periodo per l'arredamento...
    e da qui..puoi capire cosa intendo..a me non piace assolutamente.

    RispondiElimina
  3. *la_maga_circe*28 gennaio 2009 11:32

    In effetti è un cazzotto in un occhio!

    RispondiElimina
  4. maga sei sempre così diretta... ;-) !!!

    RispondiElimina
  5. la considero una ricerca valida...un significativo passo in avanti,manca solo il colore...è il legno naturale originale che blocca le senzazioni

    RispondiElimina